Quando visitare Vigoleno

Se avete deciso di vistare Vigoleno tenete presente che ogni stagione ha il suo fascino e che, salvo rare eccezioni, qui non troverete mai una gran folla di gente. Anzi, durante la settimana, vi potrà capitare essere i soli visitatori a dividere il borgo con noi pochi abitanti presenti, nel paese e nelle cascine circostanti. Parcheggiate a macchina in prossimità del borgo e poi camminate e lasciatevi trasportare lungo i vicoli che incontrerete subito dopo l’ingresso dalle mura fortificate.

Sarà la storia stessa a farvi da cicerone, riportandovi indietro nel tempo di fortezza originaria risalente probabilmente al X secolo, anche se le prime testimonianze storiche di Vigoleno risalgono al 1141, quando era un avamposto del comune di Piacenza sulla strada verso i territori parmensi.

L'Inverno è solitamente il periodo dell'anno più difficile qui, anche se i cambiamenti climatici stanno rendendo questi mesi decisamente miti. Freddo o neve premettendo, arrivati a Vigoleno sarà comunque sempre il sole a sorprendervi, quello che avrà bucato la nebbia che vi sarete lasciati alle spalle nelle valli sottostanti. Nei week end, fino a tutto il mese di marzo, le viste guidate al Mastio e al piano nobile del Castello sono sempre disponibili, così come il caldo tepore de camini accesi saprà riscaldarvi per un buon pranzo nelle taverne e osterie dentro e fuori le mura, magari accompagnato da un buon bicchiere di Gutturnio prodotto da una delle tante cantine locali.

La Primavera è, secondo me, una delle stagioni più belle per visitare Vigoleno quando anche la natura che lo circonda si risveglia e le giornate ogni giorno sono sempre più lunghe. Non appena l’ultimo raggio di sole sarà sparito dietro alle colline, seguite a piedi la strada che va alla Massina, quella subito dopo il parcheggio, proprio sopra l’incrocio che porta a Case Sozzi dove si trova la mia Azienda Agricola. Pochi passi e restate in silenzio: la notte che avanza sarà rotta dall’abbaio dei caprioli maschi che si rispondono dai diversi punti dei boschi e delle radure circostanti per segnare il territorio.

Il caldo dell’Estate, nei mesi di Giugno, Luglio ed Agosto, rimane giù a valle, nella bassa piacentina e parmense e allora Vigoleno diventa una meta anche per alleviare l’afa, grazie al vento che si incanala lungo il torrente Stirone e che sa rendere piacevoli i pomeriggi e fresche le serate. Le giornate sono lunghe ed è l’occasione per camminare nella natura (qui ogni anno a Giugno si svolge la bellissima camminata La Notte dei Briganti) o per gustare la cucina locale in uno dei ristoranti del luogo.

L’Autunno a Vigoleno è quello dei mesi di Settembre ed Ottobre, fatto di un variopinto affresco di colori e, probabilmente, i due mesi dell’anno con la maggiore presenza di visitatori. Questa è la campagna vera, quella delle tradizioni, dei sapori della terra. La vendemmia tra i filari, gli ultimi raccolti nei campi e nei frutteti, il ritiro degli ultimi melari negli apiari, sono occasioni per festeggiare e Vigoleno e tutto il territorio da Piacenza a Parma hanno sempre un calendario fittissimo di feste e sagre.