Aumenta il consumo di miele, ma genuino e di qualità

Con una media lo scorso anno di 500g a testa di miele consumato all’anno, il 35 per cento in meno rispetto alla media europea, gli italiani, secondo i dati Nielsen, sono diventati dei grandi consumatori di miele, con un aumento del 44 per cento negli ultimi mesi.

L’Italia è il quarto paese europeo per numero di alveari, 1,2 milioni per un totale di 45.000 apicoltori e una produzione totale annuale stimata attorno alle 22.000 tonnellate con circa sessanta differenti varietà disponibili.

Tra i maggiori consumatori di miele ci sono le famiglie composte da persone anziane (37%), seguite da famiglie con figli che hanno più di 18 anni (18%) e da anziani single (17%), seguono famiglie con figli dai sei ai 12 anni (14%), famiglie con figli adolescenti (10%) e i single le coppie giovani (4%).

Sempre di più nella scelta conta la certezza della qualità e della genuinità del miele che si acquista tenendo presente che l’Italia è il sesto importatore di miele estero da paesi che non rispettano canoni di qualità obbligatori come da noi.